Google I/O Extended 2016: Google DayDream VR

0
95

GoogleDayDream

Google ha parlato anche di Realtà Virtuale nel suo Keynote presentando la sua nuova piattaforma dedicata appunto alla VR che sarà Google Daydream.

Per quanto riguarda la realtà virtuale google ha puntato molto sulla diffusione anche grazie all’economicità dei cardboard, adesso che questo campo sta interessando molti utenti vuole alzare il tiro e durante l’evento ha presentato diverse novità dedicate interamente alla Virtual Reality.

Verrà prodotto un nuovo visore ed inoltre verrà prodotto oltre al visore un telecomando che permetterà l’interazione con l’ambiente virtuale. Questo comando presentato all’evento è molto piccolo così da poterlo tenere in una mano, presenta due tasti e un touchpad visibili dall’esterno; inoltre al suo interno è fornito di tutti i sensori necessari al tracking nello spazio dei movimenti effettuati dal nostro braccio e dalla nostra mano.

Oltre alla produzione di questi due device Google vuole puntare a migliorare le prestazioni e l’esperienza virtuale, per questo ha redatto dei requisiti che uno smartphone deve rispettare per poter essere certificato come compatibile con il Google Daydream.  A quanto pare per molti dei vendor più  importanti (Samsung, htc, LG, Huawei, ZTE, ASUS ecc..) stanno collaborando con Google in modo da rilasciare device con queste caratteristiche già certificati. I requisiti richiesti spaziano dalla dotazione a livello di sensori, fino alle latenze massime da rispettare.

Per questi smartphone sarà possibile abilitare all’interno di Android N, una modalità VR che ci permetterà di utilizzare il dispositivo dentro il visore interagendo con il nuovo telecomando, attraverso una UI appositamente realizzata. Molte applicazioni verranno rese compatibili anche con la Realtà Virtuale e sarà possibile svilupparne anche di esterne.

Per quanto riguarda Google ci sono già diverse appliazioni disponibili anche per il VR: PlayStore, YouTube, StreetView; novità anche Google Movies sarà realizzato in modo da poter essere utilizzato in modalità VR.

Diciamo che su questo campo i buoni propositi ci sono tutti e google sta tentando di portarsi avanti fornendo strumenti relativamente economici con prestazioni ottime in modo da diventare leader in questo tipo di mercato. Ovviamente per adesso non è paragonabile a altri tipi di dispositivo dedicati però ci sono buoni presupposti di miglioramento.

NO COMMENTS